22/10/2018

Si è svolto un incontro urgente convocato dall’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan in risposta alla richiesta in inviata dai sindacati della funzione pubblica Cgil, Cisl e Uil relativamente al futuro del personale dei centri per l’impiego delle Province.
Nel corso dell’incontro i sindacati hanno chiesto all’assessore, alla luce delle preoccupazioni che in una recente assemblea il personale dei centri per l’impiego ha manifestato, di trasferire questi lavoratori presso la Regione e comunque di mantenere l’impegno a garantire il mantenimento di tale personale in un ente di diritto pubblico.
L’assessore ha ribadito che la soluzione prevista dalla proposta di legge, che domani inizierà l’iter della discussione nella competente commissione consiliare, garantisce il ruolo di dipendenti pubblici, essendo Veneto Lavoro un ente di diritto pubblico, e dà le stesse garanzie occupazionali di un qualsiasi dipendente regionale. L’alternativa sarebbe un passaggio di questi dipendenti all’Anpal, l’agenzia nazionale per le politiche attiva del lavoro.
L’assessore, ricordando il lungo percorso di condivisione della proposta normativa, approvata dalla Giunta regionale, con le organizzazioni sindacali e le stesse Province, ha comunque espresso apertura rispetto ad eventuali miglioramenti del testo relativamente al passaggio del suddetto personale.

Share Button

Comments are closed.