12/12/2018

Grazie alle detrazioni fiscali, il green building non è più un mercato di nicchia: esistono soluzioni di qualità alla portata di tutti. Il contributo delle aziende italiane per l’edilizia.

I bonus fiscali confermati dalla Legge di Stabilità 2016 consentono di mettere il risparmio energetico al centro dei processi di acquisto. Anche per l’anno in corso, chi esegue lavori di ristrutturazione edilizia e riqualificazione energetica può infatti usufruire delle detrazioni Irpef del 50% e del 65%.

Ma come si fa a rendere un edificio green? Che caratteristiche devono avere i componenti di una casa per essere sostenibili? Una casa green costa di più di un abitazione non green e poi… cosa vuole dire esattamente green? Oggi chiunque è in grado di dire quanti chilometri è in grado di percorrere la sua automobile con un litro di carburante, ma pochi sanno quanto consuma la propria casa. “Per questo occorre una cultura da parte del compratore, e dal tecnico che lo assiste. La sostenibilità è basata su tre pilastri: ambientale, sociale ed economica” spiega il professor Stefano Della Torre, Direttore del Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell’Ambiente Costruito al Politecnico di Milano.

CASA MODERNA, visitabile fino al 9 ottobre alla Fiera di Udine, è in grado di dare risposte concrete a queste domande esponendo prodotti e soluzioni negli stand, approfondendo le tematiche nei convegni e nelle consulenze. Uno zoom su queste economie emergenti lo fa Casa Biologica, nel padiglione 8 dove, oltre alla Filiera Legno di Innova FVG, espongono aziende che operano nel settore dell’abitare ecosostenibile, della bioedilizia e delle abitazioni in legno, vera risorsa del futuro. Infatti, per quanto riguarda le costruzioni in legno, l’Italia sta recuperando rapidamente terreno rispetto ai Paesi più avanzati collocandosi al 4° posto in Europa per la produzione di edifici in legno. Assolegno osserva che gli ordinativi delle aziende del settore hanno ordini già vicini al 60% della produzione programmata per il 2016. Una casa in legno non è solo funzionale, ma è un ottimo isolante termico ed acustico.

Risparmio energetico, attenzione all’ambiente e alle risorse che usiamo tutti i giorni, ma che non sono inesauribili, come il cibo e l’acqua. Evitare gli sprechi è un dovere ed è possibile anche dentro le mura domestiche, anche in cucina quando prepariamo pranzi e cene. Contro gli sprechi anche al cucina di Andy Luotto che domani (mercoledì 5) sarà l’ospite di Casa Moderna con lo showcooking delle 17.30 nell’area eventi del padiglione 6.
La nuova “avventura” di Luotto è il ristorante “Là” a Roma; la sua cucina è stagionale, mediterranea, tiene conto del recupero e utilizza molto le verdure senza per questo evitare carne e pesce. A presentare l’evento sarà Fabrizio Nonis, conduttore di trasmissioni di cucina su “Gambero Rosso Channel” e testimonial di Acqua Dolomia.

Share Button

Comments are closed.