14/11/2018

Riceviamo dalla collega Giurovich e volentieri pubblichiamo.

Attenti alle cartelle pazze dall’Agenzia delle Entrate per bolli auto che non risultano pagati anche se invece avete versato ogni anno.

Ultima vittima una cittadina udinese C.M. che si è vista recapitare quasi tre anni dopo il verbale di accertamento con tanto di modulo per il pagamento, naturalmente maggiorato di sanzioni e interessi…

Peccato che quello stesso errore fosse già stato segnalato più di un anno fa dalla cittadina che, con la prova dei pagamenti chiesti all’ACI di Udine, era andata negli sportelli dell’Agenzia delle Entrate di via Gorghi per segnalare l’anomalia del mancato recepimento del pagamento regolarmente versato…

Tutto risolto, le era stato assicurato all’epoca.

Altro che tutto risolto.

Pochi giorni fa l’amara sorpresa della cartella recapitata tramite raccomandata.

Ma la cittadina non si è persa d’animo, fra l’altro l’auto era stata venduta e ormai da anni la transazione, com’è noto, non può essere perfezionata se i bolli auto non risultano in regola…

La cosa più assurda è che la regolarità dei pagamenti è accertata proprio tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate!

Quindi, chi accerta non sa nemmeno rendersi conto che tutto è stato pagato…eppure la regolarità è visibile tramite il sito stesso dell’Agenzia delle Entrate?

La signora presenterà richiesta di risarcimento danni per il tempo perso a causa dell’amministrazione pubblica che non sa lavorare.

Irene Giurovich

Non possiamo che sollecitare calorosamente la malcapitata a farsi assistere legalmente per riuscire a “tirare una sonora bastonata” a quella parte del sistema che rimane inefficiente nel servizio e lontano da un corretto rapporto con i cittadini. Il sistema è fatto di tanti bravi funzionari ma anche di perfetti imbecilli e “fancaz….i” la cui unica missione è quella di rubare lo stipendio, complicando la vita alle persone fino al punto di “truffarle”, come nel caso di questa signora.

Come questa cittadina quanti altri sono vittime di cartelle pazze ed altre distorsioni del sistema? tante, tantissime…che siano le frotte di avvocati usciti in eccedenza dalle università a fare la prima mossa e a tendere pubblicamente la mano a queste persone, per difenderle e, possibilmente , ottenere vittorie in cospicui riscimenti…solamente allora i funzionari di sistema che sono reponsabili delle “estorsioni” potrebbe finire per pagare lo scotto della loro irresponsabilità!

GFB

Share Button

Comments are closed.