16/08/2018

Il 24 e 25 maggio torna Cantine aperte, alla sua ventiduesima edizione
Una formula collaudata capace di generare in un weekend fino a mezzo milioni di euro come giro d’affari, sempre con un occhio per la solidarietà attraverso la pluriennale collaborazione con UNICEF. Una grande ffesta del vino con degustazioni guidate e cene con il vignaiolo. Oltre settanta le cantine coinvolte in Friuli Venezia Giulia e quindici ristorqanti in collaborazioen con le strade del Vino e Sapori per i piatti speciali cantine aperte. Quest’anno anche il concorso Gratta e stappa abbinato al kit UNICEF composto da calice ,stracolla e appunto biglietto. quattrocento bottiglie in palio e venti premi tra cui una bicicletta hitech Cussigh. Tra le iniziative anche un raduno di blasonate automobili elettriche nell’azienda vinicola Isola Augusta. Dovrebbe esserci anche la Tesla.
Cantine Aperte, evento Nazionale che venti anni fa, aveva la mission di aprire le porte della produzione vitivincicola di qualità al grande pubblico attraverso il turismo. In un ventennio quello che c’era da dire è stato detto ma non si esaurisce il ruolo di Cantine Aperte (massimo del mestre direttore movimento turismo del vino.) un pò per la tradizione che negli eventi d’anna diventa zoccolo duro nelle abitudini dell’immaginario collettivo, un pò perchè rimane ancora molto da dire e da fare, sopraqttutto se ci sono persone che ancora ci credono. E’ il caso del Movimento del Vino in Friuli Venezia Giulia, che passa attraverso un entusiasmo cocciuto ed inossidabile di persone come Elda Felluga, presidente regionale dell’associazione e del suo direttore Massimo Del Mestre, che non molla…quindi ancora molto da dire…

Share Button

Comments are closed.