21/10/2018

Venerdì 4 maggio, al Mu.Ca. – Museo della Cantieristica di Monfalcone, la presentazione del volume dedicato ad uno degli aerei di maggior successo prodotti dal Cantiere di Monfalcone.

E’ l’aereo che conquistò ben 27 primati internazionali, impegnato in attività di guerra come bombardiere e per il soccorso in mare, ma anche nei voli di linea: “il Cant.Z.506 con i motori appropriati fu un modello di regolarità ed efficienza e rappresentò una pietra miliare nello sviluppo (…) dell’aviazione civile italiana. (…) Era la sintesi della capacità progettuale di Zappata, dell’esperienza delle maestranze che li costruirono e della classe del capopilota Mario Stoppani”.
Cantz506_orbetello_modificato (Small)

L’autore del volume, Decio Zorini, sintetizza così, nella sua premessa, le caratteristiche essenziali dell’idrovolante che fu uno degli aerei di punta prodotti dalle Officine aeronautiche del CRDA. Il volume – oltre 140 pagine riccamente illustrate – realizzato con la collaborazione di Giancarlo Garello ed edito da Aviani & Aviani, sarà presentato venerdì 4 maggio alle ore 18 nella sala conferenze del Museo della cantieristica di Monfalcone, a due passi dallo stabilimento dove l’aereo veniva prodotto.

La ricerca offre al lettore una mole notevole di informazioni che permettono di inquadrare la produzione aeronautica del Cantiere nel più ampio contesto nazionale e internazionale che va dagli anni Venti agli anni Cinquanta dello scorso secolo. Informazioni tecniche, resoconti giornalistici, splendide fotografie contribuiscono ricostruire l’era degli idrovolanti, con particolare riferimento al loro utilizzo civile e allo sviluppo dei voli transoceanici.
800px-CANT_Z.506_vista (Small)

L’autore del volume, ing. Decio Zorini, collaboratore tra l’altro dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore Aeronautica, ha pubblicato numerosi studi storici ed aeronautici su riviste specializzate.

Anche l’archivio fotografico del Consorzio Culturale del Monfalconese ha contribuito, con foto e documenti, alla realizzazione dell’opera.

 

 

L’unico esemplare sopravvissuto è un 506 B, della 84ª Squadriglia, ed è esposto al Museo storico dell’aeronautica di Vigna di Valle, Bracciano (Roma).

La serata di venerdì offrirà tra l’altro l’occasione per presentare al pubblico alcuni dei documenti conservati – in originale o in copia – dall’Archivio della memoria e dalla Fototeca del CCM,    relativi alla produzione aeronautica del Cantiere monfalconese. L’iniziativa è promossa dal CCM insieme all’Assessorato alla Cultura del Comune di Monfalcone.

Share Button

Comments are closed.