20/06/2018

Intervista testimonianza ad Ivan Cudin

Chi sceglie di diventare donatore può recarsi, possibilmente a digiuno, in uno qualsiasi dei centri trasfusionali per la donazione del sangue nel proprio territorio, dove sarà accolto e accompagnato da un medico per un colloquio, una visita e un prelievo di sangue per eseguire gli esami necessari ad accertare l’idoneità alla donazione.
Questo significa un controllo gratuito dello stato di salute che non fa mai male. Per informazioni sulla donazione e sul centro o punto di donazione della propria città, ma anche per scegliere per esempio di donare direttamente al CRO di Aviano o in qualsiasi altro centro trasfusionale abilitato, si può consultare la pagina web portaledeldono.it dell’AFDS (associazione friulana donatori di sangue), oppure avis.it o fidas.it che sono le principali associazioni di donatori. In alternativa si possono ricevere informazioni chiamando il numero del call center regionale 0434 223522, dalle 07.30 alle 18.00 e sabato dalle 08.00 alle 12.00.
UTILI INDICAZIONI PER CHI VUOL DONARE SANGUE
Per donare sangue bisogna avere almeno 18 anni. Si può donare sangue intero fino a 65 anni, mentre per le donazioni di plasma e piastrine il limite è di 60 anni. È necessario pesare almeno 50 Kg, essere in buone condizioni di salute e condurre uno stile di vita senza comportamenti a rischio. Per effettuare la donazione è consigliabile fare una leggera colazione con frutta fresca (anche una spremuta), the o caffè poco zuccherati, pane non condito o fette biscottate, tassativo non assumere latte e suoi derivati. Prima del prelievo, il medico effettuerà una valutazione clinica del donatore (battito cardiaco, pressione arteriosa, emoglobina) e un breve colloquio conoscitivo. Il prelievo dura tra i 5 e gli 8 minuti. Il volume di sangue prelevato, stabilito dalle norme, è di 450 millilitri per ciascun donatore, all’incirca il 10% della quantità presente in tutto il corpo. Le donne che assumono farmaci anticoncezionali non devono sospenderli. In occasione del prelievo, dopo la donazione, al donatore saranno offerte bevande e un ristoro (generalmente un caffè, o un cappuccino o un the accompagnato da una brioche). Ai lavoratori dipendenti è riconosciuta, inoltre, una giornata di riposo retribuita.
L’intervallo minimo tra una donazione di sangue e l’altra è di 90 giorni per gli uomini e di 180 per le donne in età fertile. Le donne non possono donare sangue durante la gravidanza e per un anno dopo il parto. Di norma, gli uomini possono donare sangue intero quattro volte l’anno, mentre le donne due.
DONATORI: NON EROI MA MOLTO DI PIU’
I donatori di sangue non sono eroi, non sono speciali, non sono migliori, sono molto di più. Brave persone, molto sensibili che hanno la coscienza di poter fare molto per aiutare gli altri nel momento del bisogno, senza sacrifici. In ogni area della regione c’è una sezione di volontari dell’AFDS mentre nei capoluoghi provinciali si trova anche l’AVIS. Tutti si trovano insieme per almeno una cena all’anno e con l’occasione si consegnano le targhe a coloro che hanno raggiunto un certo numero di prelievi. Nel codroipese quest’anno abbiamo annoverato anche Ivan Cudin, il campione mondiale di Ultramaratona che è stato festeggiato per le cinquanta donazioni di plasma, insieme a tanti altri “campioni” elencati in fondo all’articolo. Nell’intervista la cosa che Ivan ha voluto rimarcare è che considera normale andare ad Aviano per donare il plasma, giacché chiunque, per tantissimi motivi, potrebbe averne bisogno.
Alla serata per la consegna degli attestati c’erano moltissimi iscritti, presente il presidente della sezione comunale di Codroipo Mauro Ciani, il vicepresidente Vittorino De Clara, il consigliere dell’AFDS – risorgive Enrico Fuser, il coordinatore Luigi Ceccato con l’assessore della città di Codroipo Claudio Tomada, il consigliere regionale Vittorino Boem e il sindaco Fabio Marchetti.
Ivan Cudin è un grande campione e in questo caso assume la veste di testimonial d’eccellenza. Dovrebbe rappresentare un modello da seguire per tanti giovani atleti e non, sia dal punto di vista dell’impegno, della passione nello sport, sia sotto il profilo etico e comportamentale nella vita e nel lavoro.
Questo l’elenco completo dei nuovi record raggiunti:
-DIPLOMA DI BENEMERENZA Donazioni: 8 per le donne –10 per gli uomini a Bin Massimo, Bragagnolo Loris, Bressanutti Renzo, Cecco Federica, Defend Laura, Di Gaspero Emanuele, Misson Gloria, Mizzillis Zaccaria, Mucignato Claudio, Oliva Simone, Parussini Sonia, Pittoni Franco Albino, Rainero Giulia, Sette Nicola, Tonizzo Maurizio, Vidal Roger, Zoratti Antonio;
-DISTINTIVO DI BRONZO Donazioni: 15 Donne -20 Uomini a Di Giorgio Rosalia, Mele Luca, Pasqualini Manlio, Schinella Sergio, Toneatto Maria Teresa, Zanutel Nadia;
-DISTINTIVO D’ARGENTO Donazioni: 25 Donne -35 Uomini a Bergonzi Roberta, Liani Ernesto, Marzinotto Annarita, Petris Maurizio, Piccini Edi, Presacco Samuele, Scaini Alessandro, Turco Nerina, Vattai Giuliano;
-DISTINTIVO D’ORO Donazioni: 40 Donne -50 Uomini a Cudin Ivan e Venuto Carla;
-TARGA D’ARGENTO CON PELLICANO D’ORO Donazioni: 60 Donne -75 Uomini a Brazzoni Daniele e Tonassi Claudio;
-GOCCIA D’ORO Donazioni:-75 Donne -100 Uomini a De Colle Marinella, Parussini Paolo e Propedo Daniele.
Complimenti a tutti e grazie per le vostre donazioni.
Marco Mascioli

Share Button

Comments are closed.