24/06/2018

GIORNATA NAZIONALE BIOLOGO, NUTRIZIONISTI IN PIAZZA 20-21 MAGGIO
CONSULENZE GRATUITE E DIETE PERSONALIZZATE
Marta Ciani: “La corretta nutrizione deve essere per tutti”
Boom di intolleranze alimentari: si mangia sempre peggio

Buon cibo, corretta alimentazione, piani dietetici personalizzati e informazione sui test genetici: tutto questo diventa alla portata di tutti sabato 20 e domenica 21 maggio assieme all’esperta nutrizionista Marta Ciani che scenderà in mezzo ai cittadini per la quarta edizione della Giornata Nazionale del Biologo in programma a Trieste patrocinata quest’anno dall’Enpab (Cassa previdenziale biologi).

“Sono felice di diffondere queste conoscenze scientifiche in mezzo alla gente che potrà ricevere tutte le informazioni e le consulenze su diete, intolleranze, veleni chimici presenti negli alimenti, confrontandosi gratuitamente con gli esperti di questo settore, dichiara la biologa Ciani che dalle 10 alle 18 di sabato e domenica si troverà in via Dante a Trieste per prestare volontariamente la sua opera senza ricevere, lei come tutti gli altri professionisti, alcun compenso.

maxresdefault-4

“Al centro delle consulenze – anticipa Ciani – anche le reazioni avverse al cibo, sempre più frequenti, con una crescita esponenziale raddoppiata rispetto agli ultimi 2 anni, e dall’impatto sociale sempre più elevato, a causa della mucosa intestinale alterata che non funziona più come dovrebbe e ciò è da attribuirsi non solo alla presenza di additivi chimici e conservanti negli alimenti ma anche al modo scorretto di nutrirsi!, in altre parole si mangia sempre peggio”, ecco perché i Nutrizionisti in Piazza vogliono rieducare il cittadino ad un’alimentazione preventiva e sana. “Mangiare male significa infiammare l’organismo ed esporlo a rischi anche gravi per il sistema immunitario”, spiega la biologa che fa riferimento anche ad alcuni studi recenti che hanno evidenziato correlazioni, mediate da alcune citochine, fra disturbi alimentari e sovrappeso.

La due giorni in piazza consentirà anche di raccogliere i dati sul comportamento alimentare in merito all’importanza dello iodio per la prevenzione delle patologie tiroidee e dei disturbi cognitivi e l’utilizzo di prodotti senza glutine. “In questo modo – conclude –  rendiamo fruibile da tutti le tecniche per impostare una sana alimentazione in versione di prevenzione e cura di malattie”.

Share Button

Comments are closed.