19/01/2018

Gli agenti della Polizia locale di Treviso sono stati dotati nei giorni scorsi di 15 telecamere portatili applicate sul taschino che faranno parte della dotazione permanente. Le immagini   acquisite saranno salvate direttamente presso un cloud protetto, e il software di gestione produrrà video in formato forense, utilizzabili come prove inoppugnabili, anche in sede di giudizio; esse non potranno mai essere modificate.

Le telecamere saranno estremamente utili anche in caso di verifica di sinistri stradali, di disastri ambientali, di manifestazioni e nei quartieri per filmare eventuali situazioni di emergenza.La telecamerina sarà in grado di registrare per 12 ore consecutive.  Solamente con un doppio click partirà la registrazione, che terrà conto anche dei due minuti precedenti

Le immagini in diretta potranno in seguito essere trasmesse in tempo reale alla Centrale Operativa della Polizia locale, consentendo così di poter avere informazioni in “diretta” sul campo operativo ed inviare in caso necessario ulteriori ausili. I video verranno conservati   per 7 giorni.

La “bodycam” è un apparato in uso a moltissime forze di Polizia all’estero: basti pensare che a Londra sono 22.000 quelle in dotazione alle forze dell’ordine di Sua Maestà: “È di fatto un terzo occhio in dotazione alle forze dell’ordine”, spiega Loris Angeloni, country manager della ditta Axon che ha dato la possibilità di fornire in test 15 apparati .

L’assessore alla sicurezza Roberto Grigoletto  ha commentato che la bodycam  “È un ulteriore importante strumento per garantire la sicurezza in centro e nei quartieri. Un ulteriore passo per aumentare sempre di più la percezione di sicurezza  dei nostri cittadini e degli operatori stessi.”

Share Button