22/06/2018

Torna in regione dal 30 giugno al 28 luglio Blue Notte Gorizia Jazz, Blues & Art Festival, che porterà a Gorizia e sul territorio transfrontaliero alcuni dei migliori artisti blues, soul e jazz internazionali, valorizzando diversi luoghi storici tra i più suggestivi del territorio di confine.

Presentato   alla presenza di Fabrizio Oreti, Assessore alla Cultura del Comune di Gorizia, Dejan Koglot, Direttore del KŠTM Šempeter – Vrtojba, Ente pubblico per la cultura, i giovani, lo sport e il turismo di Šempeter – Vrtojba, Paolo Del Negro, Presidente della Cooperativa sociale Contea, organizzatrice dell’evento, Monica Tortul, Direttrice artistica della manifestazione e Mauro Perissini, Presidente del Consorzio di cooperative sociali Il Mosaico. Oltre 70 gli artisti coinvolti, 6 comuni tra Italia e Slovenia e 10 appuntamenti.

Dopo sette edizioni al Parco Basaglia, il Festival ha deciso di abbracciare la città, spostando la propria location principale nella Piazza Transalpina, luogo fortemente simbolico sul confine tra Italia e Slovenia che diventerà a breve – grazie a finanziamenti dell’Unione Europea – un nodo cruciale per i percorsi turistici ciclabili dell’area italo-slovena.

Nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale Blue Notte si propone di valorizzare alcuni luoghi storici del goriziano e della vicina Slovenia. La manifestazione farà tappa in luoghi di particolare suggestione ed interesse storico artistico come Palazzo Coronini Cronberg a Gorizia, già sede di un ampio museo e di molte attività culturali, il Castello di Kromberk di Nova Gorica, restaurata fortificazione rinascimentale, e l’Azienda vitivinicola Castello di Rubbia, produttrice di vini, con un’antica cantina ubicata a Savogna d’Isonzo, nei pressi di alcune antiche trincee carsiche della Grande Guerra.

Sempre notevole il cartellone musicale . Nel 2018 esso annovera, tra le guest stars, l’emozionante icona mondiale del soul, Kaz Hawkins (il 19 luglio a Šempeter pri Gorici), potente e pluripremiata cantautrice di Belfast che con la sua voce empatica e le sue incontenibili interpretazioni incanta le platee di tutto il mondo.

Ancora “musica dell’anima” per la serata del 21 luglio, alla Transalpina, con le calde atmosfere del blues britannico di Kyla Brox: più volte in lizza per il British Blues Awards e per gli European Blues Awards, la Brox sfodera la propria doppia anima blues e soul, accogliendo in sé la grinta e la ribellione da un lato, la dolcezza e il calore avvolgente dall’altro.  Ad introdurre la star inglese del blues, due artiste di grande stile: la cantante slovena TatjanaMihelj e la cantautrice goriziana Paola Rossato, per una serata di grande profondità tutta al femminile.

Il 22 luglio, sempre alla Transalpina, è la volta dei travolgenti King King, definiti la miglior rock blues band del mondo dal Blues

KING KING 

Rock Review.

A intercalare le serate tutto blues e soul è il programma del 20 luglio, ancora alla Transalpina, dove – sempre a partire dalle 21 – troveranno espressione un imponente video mapping e l’espressione dei risultati di workshop, contest e altri percorsi dedicati ai giovani, nati nell’ambito del festival UpGiovani, figlio del bando SIllumina – finanziato dalla Siae e dal MiBACT.

Il Parco Coronini di Gorizia ospita il 28 luglio Jan Sturiale, chitarrista, compositore e produttore, più volte al fianco di Lenny Wheeler. Sturiale porta a Gorizia, con la sua band, il nuovo progetto “Roadmaps”, quintessenza di divertito interplay, in particolare con il sassofonista Jure Pukl, con il quale l’alchimia è qualcosa di realmente inaudito.

Sabato 30 giugno, a Moraro suona il Lorena Favot Duo (alla voce della Favot si affianca il tastierista Rudy Fantin) con un fresco e originale progetto dedicato a Mina. Venerdì 6 luglio nella Corte d’Aviano di Palazzo Torriani a Gradisca tocca alla cantante Monika Bajer con il suo quartetto, scatenati in un brillante repertorio swing senza confini: “Passion for swing without frontiers” è il titolo del progetto e con lei suonano MarkoČepak alla chitarra gipsy solista, Roberto Franceschini al contrabbasso e Paolo Sciarrini alla chitarra gipsy ritmica. Ad introdurre il concerto un breve video di Serena Finatti che presenta il suo nuovo lavoro, “Fragile e fiera”, protagonista anche dell’anteprima tedesca del Blue Notte Gorizia Festival (live a Colonia l’8 giugno).

Sabato 7 luglio l’incantevole Castello di Rubbia ospita “Song for Africa” del Coj & Blue Trio (Claudio Cojaniz – pianoforte; Alex Turchet – contrabbasso; Luca Grizzo – percussioni e voce): Cojaniz è pianista conosciutissimo in ambito nazionale e internazionale;

Venerdì 13 luglio, dopo un’anteprima del quartetto sloveno capitanato da Aleš Rendla, un altro “pezzo da Novanta” del jazz internazionale sale sul palcoscenico del Festival: a Nova Gorica, al Castello di Kronberk si esibisce il pianista Stefano Battaglia, con Salvatore Maiore al contrabbasso e Roberto Dani alla batteria – autorevole firma della musica contemporanea europea, che propone il suo recente progetto “Songways – Devotional Songs”,

 Il 20 luglio saranno lette e recitate anche le poesie vincitrici del Terzo Concorso Internazionale di Poesia Blue Notte, che attende gli scritti poetici in italiano, sloveno, friulano, tedesco da consegnare entro il 15 luglio

Share Button

Comments are closed.