23/04/2019

Sabato 20 aprile, alle ore 17, sarà inaugurato il fortino di Beano dopo anni di lavori per ripulire tutto quanto la natura aveva ricoperto in quasi cent’anni d’abbandono. Si tratta di una fortificazione militare della prima guerra mondiale, edificata nel 1910, praticamente di fronte l’ingresso dell’aeroporto militare di Rivolto di Codroipo, nella strada che porta al centro della frazione di Beano. Lo scopo principale era di proteggere il ponte sul tagliamento. Poi ci furono i tedeschi e quindi abbandonata alla fine della prima guerra.


Una fortezza che fino a poco tempo fa passava inosservata giacché alberi e cespugli avevano ricoperto tutta la recinzione e buona parte delle strutture in cemento, ma il gruppo A.N.A. (associazione nazionale alpini) di Codroipo, coadiuvati dai colleghi di Beano, Bertiolo, Gradiscutta e Grions insieme al grosso aiuto ricevuto dalla Protezione Civile di Codroipo che, pur non coinvolta nei progetti del Comitato per la Grande Guerra, si è messa a disposizione con uomini e mezzi. Rientrando a pieno titolo nei progetti per la commemorazione dei cent’anni dalla guerra, nel 2014 iniziarono i lavori che probabilmente nessuno pensava ci volesse tanto lavoro per terminare.


Finalmente è pronto per l’apertura al pubblico. Tutti invitati alla cerimonia di fine lavori e riconsegna del fortino all’amministrazione comunale e soprattutto alla cittadinanza, con un programma che inizierà alle 17,00 di sabato 20 aprile 2019. Sarà l’occasione per scoprire un insediamento militare storico, riportato all’originale stato di conservazione grazie all’impegno primario delle penne nere, cui va la gratitudine e il doveroso riconoscimento.


Il Sindaco Fabio Marchetti sta valutando diverse proposte da mettere in atto per aprire il fortino di Beano a scopi turistici e storici. In ogni caso un’opportunità per comprendere quanto vissuto dai militari e non solo, nel periodo della grande guerra.
Sabato 20 aprile a Beano di Codroipo inaugurazione del Fortino alle 17 con le autorità e tutti i cittadini.
Marco Mascioli

Share Button

Comments are closed.