22/10/2018

Brutto regalo di Natale per 13 dipendenti della Socialteam S.r.l. di Spilimbergo, colpiti da licenziamento collettivo, a seguito della revoca della gestione dell’asilo nido e dell’affido di alcuni servizi da parte dell’Asp di Codroipo “Moro”. La motivazione che ha addotto la Socialteam, infatti, è l’eccedenza di personale dovuta alla revoca della gestione del nido d’infanzia aziendale “Daniele Moro”, dell’affido del servizio sociale di base dei progetti dell’area inter-cultura e nuove povertà dell’ambito distrettuale di Codroipo.

IMG_1514Iniziava così il comunicato emesso da Socialteam S.r.l. e alcuni sindacati. In effetti corrisponde alla realtà, ma solo parzialmente. Infatti prosegue il comunicato: “Le convenzioni stipulate tra Socialteam srl e l’Asp di Codroipo prevedono una clausola di salvaguardia per il personale e il mantenimento dei livelli occupazionali.”

Questa è la realtà: l’Asp Daniele Moro di Codroipo non ha mai accusato problemi di carattere economico e dal punto di vista finanziario è in costante miglioramento negli ultimi anni. Dimostrazione ne sia che presa la decisione di lasciare Socialteam per svariati motivi, in primis l’aspetto economico che risultava inutilmente gravoso per l’azienda, ha immediatamente assunto tutto il personale che prima  gestito dalla S.r.l., per assumerlo direttamente.

Non direi quindi un brutto Natale quello che tutti i dipendenti impiegati direttamente nell’Asp Moro di Codroipo, anzi un regalo IMG_1517cui tenevano molto e che speravano da anni è arrivato: assunti a tempo indeterminato dalla più grande azienda del Medio Friuli.

Certo sappiamo che la stessa cosa ha più punti di vista. Per esempio i dirigenti e i soci di Socialteam, che ben presto non avranno personale su cui lucrare. In un periodo in cui i sindacati perdono sempre più iscritti e soprattutto la fiducia  dei lavoratori, una comunicazione che poteva essere a loro favore, dichiarando il comportamento corretto dell’amministrazione dell’Asp che ha assunto tutti direttamente (come previsto dalla legge), si è rivelata l’ennesima mossa boomerang. Perché si sa la verità, prima o poi, viene a galla nella sua interezza.

Marco Mascioli

Share Button

Comments are closed.