22/10/2018

Il quartiere fieristico di Pordenone ospita dal 16 al 24 gennaio la settima edizione di Pordenone Antiquaria, mostra mercato nazionale di antiquariato.

3500 METRI QUADRI DI ANTIQUARIATO

Per 9 giorni i 3.500 mq dei padiglioni 8 e 9 diventeranno il palcoscenico di una manifestazione che si è ormai accreditata come la più importante e ricca mostra mercato di antiquariato in Friuli Venezia Giulia e una delle più quotate in tutto il Nord-Est: gli oltre 7.000 visitatori della scorsa edizione ne attestano il successo.
ANTIQUARI NACHE DA INGHILTERRA E SPAGNA
Saranno circa 70 gli antiquari e i mercanti d’arte presenti provenienti da tutta Italia ma con presenze anche da Inghilterra e Spagna, selezionatissimi per l’alto livello professionale e la comprovata esperienza, che offriranno al pubblico il meglio delle loro collezioni di mobili, anche per esterni, argenterie, marmi, statue lignee, dipinti, arte sacra, porcellane, tappeti orientali, arazzi, maioliche, diamanti, gioielli e tanto altro ancora.
PN ANTIQ-32 (Medium)
INVESTIMENTO E PASSIONE

Pordenone Antiquaria sarà un’occasione per arricchire la casa con pezzi di valore rappresentativi di periodi della storia dell’arte dal 1500, fino al 1800, o con oggetti di modernariato tipico del 1900.

La manifestazione vuole essere un’occasione per coloro che cercano un acquisto garantito e arrichito di qualificata consulenza e che rappresenti anche un investimento sicuro ma anche un momento coinvolgente per coltivare la propria passione per l’arte o avvicinarsi per la prima volta a questo mondo.
ANTICHI TESORI DAL TIBET
Pordenone Antiquaria 2016 affianca alle proposte commerciali anche una mostra di interesse artistico, culturale e storico dal titolo” Galleria Thais: antichi tesori dai monasteri tibetani”. Si tratta di una preziosa raccolta di porte e credenze provenienti dagli antichi monasteri tibetani.
PORTA TIBETANA 2 (Medium)
LE PORTE TIBETANE

I collezionisti di arte orientale antica hanno riscoperto negli ultimi anni la bellezza delle porte tibetane. La semplicità dei materiali unita alla carica cromatica dei dipinti sulle facciate hanno fatto di questi antichi manufatti un “must have” per gli appassionati.
La funzione delle porte lignee non era volta solamente alla difesa dell’ambiente domestico nei confronti delle intrusioni ma ricopriva spesso un ruolo protettivo contro le presenze malefiche e gli spiriti maligni. Per questa ragione la loro facciata esterna era riccamente dipinta con figure simboliche: divinità irose del pantheon himalayano, scheletri, leopardi o tigri.
CREDENZA 2 (Medium)
I MOBILI TIBETANI

Gli arredi come le credenze presenti in fiera hanno un’origine relativamente recente: i tibetani cominciarono a costruirne in gran numero solo a partire dalla seconda metà del diciottesimo secolo, periodo in cui questa popolazione divenne più stanziale abbandonando le abitudini nomadi. Erano destinati alla conservazione di oggetti preziosi come i libri di preghiera e quindi venivano trattati con la stessa cura dedicata al loro contenuto.

Tutti i mobili tibetani sono dipinti con temi di derivazione cinese (ad esempio le composizioni floreali) o legati all’iconografia del buddismo himalayano. Questi decori esprimono un inno alla gioia, alla vita e un atto di devozione religiosa. Le credenze, tutt’ora usate all’interno dei monasteri e delle case private, si distinguono per il loro semplice e rigoroso decoro geometrico a formelle.
Pordenone Antiquaria sarà aperta al pubblico all’ingresso Nord del Quartiere Fieristico di Pordenone dal 16 al 26 gennaio 2016: sabato e domenica dalle 10.00 alle 20.00, dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 20.00

Share Button

Comments are closed.