25/11/2017

È nel segno dello spettacolo e di un grande protagonista della scena cinematografica e teatrale l’8^ edizione del Premio Gilberto Pressacco Maqôr Rusticitas,come sempre promosso dall’Associazione Culturale don Gilberto Pressacco e ispirato aivalori che si compendiano nel termine ‘rusticitas’: semplicità, frugalità, onestà, schiettezza, coerenza, rifiuto dei compromessi. Va all’attore udinese Giuseppe Battiston, personalità di spicco del cinema e del teatro italiano – due volte premio David di Donatello – straordinaria sintesi di “rustica raffinatezza” –  come efficacemente descritto nell’ossimoro  gilbertiano  –  l’edizione  2017 del   Premio, che  si  celebra quest’anno  nel ventesimo anniversario dalla scomparsa di Gilberto.

«Per la sua capacità di incarnare le caratteristiche insite nella ‘rusticitas’, armonizzando il successo cinematografico e teatrale con i valori di sobrietà, onestà e attenzione al proprio tempoancheattraverso le sue scelte di lavoro sulle scene e sul grande schermo, Giuseppe Battiston è il vincitore del Premio Rusticitas 2017».  Lo ha annunciato a Udine Flavio Pressacco, presidente dell’Associazione culturale don Gilberto Pressacco, illustrando il programma della cerimonia di premiazione, in calendario venerdì 3novembre in partnership con il Cinema Visionario di Udine che ospiterà la serata, dalle 18.

Sarà questa l’8^ edizione di un riconoscimento strettamente legato alle ricerche dello studioso Gilberto Pressacco intorno al Cristianesimo aquileiese delle origini:nel termine “rusticitas” Gilberto aveva incluso un ventaglio di valori custoditi dal popolo friulano, che di anno in anno vengono individuati e premiati nei protagonisti della cultura, della letteratura, dell’attualità e dello spettacolo friulano.

DB_G.Battiston_0003Il Premio Gilberto Pressacco Maqôr Rusticitas 2017 si aprirà venerdì 3 novembre con l’introduzione del presidente Flavio Pressacco e sarà condotto da Sabrina Baracetti. Momento clou sarà come di consuetola laudatio del vincitore, quest’anno a cura del regista Matteo Oleotto che aveva diretto il film “Zoran, il mio nipote scemo”, affidato nel 2013 all’interpretazione di Giuseppe Battiston.  Al vincitore sarà consegnata in premio un’opera realizzata dall’artista Giorgio Celiberti, pittore e scultore di fama mondiale. Gli intermezzi musicali saranno a cura del neointitolato Coro ‘Pressacco’ dell’Università di Udine.  Dopo la premiazione, dalle 20.30, è prevista sempre al Cinema Visionario la proiezione del film “Finchè c’è prosecco c’è speranza”, alla presenza di Giuseppe Battiston e del regista del film, Antonio Padovan. Il film sarà presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2017, prevendite sul sito visionario.movie o direttamente al botteghino del Visionario.

Nel 2010 il Premio Rusticitas era stato attribuito al docente e critico letterario Gianfranco D’Aronco, nel 2011 al fisico e friulanista Sergio Cecotti, nel 2012 all’allenatore Edy Reja, nel 2013 alla poetessa Ida Vallerugo, nel 2014 al pianista e compositore Glauco Venier, nel 2015 agli studiosi e operatori culturali Federico Rossi e Angela Felice  e nel 2016 allo storico Remo Cacitti e, alla memoria, alla didatta Mistica Spizzamiglio.   L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura, con il Comune di Udine, la Provincia di Udine e il Comune di Sedegliano e con la Fondazione Friuli, con il patrocinio inoltre dell’Università di Udine.

Share Button