18/12/2018

Al conservatorio si è diplomato in pianoforte, bravo musicista ma l’amore per la musica rock, scoccato da giovane è rimasto sempre nel suo cuore. Così mentre solfeggiava o imparava i grandi classici, studiava anche i rockers. Alcuni erano più saliti alla ribalta prima che lui nascesse, per cui non si può dire che si sia trattato di seguire una moda, molti artisti erano già andati oltre, prima che lui potesse scegliere la musica da ascoltare, è stato proprio un colpo di fulmine “postumo”.

Ormai da anni si occupa principalmente di formazione, condividere soprattutto con i giovani la storia della musica rock. Viaggia con e nel mondo della musica presentando abilmente una serie di aneddoti, riflessioni e storie dei grandi interpreti e le loro produzioni, sia alla radio, dove conduce Rock Revolution per RAI RADIO UNO FVG, sia negli istituti scolastici con centinaia di studenti o nelle strutture dove la musica la fa da padrona.

L’ultimo caso del relatore e ideatore di Rock History “Suona la Storia”, Gabriele Medeot, si è tenuto in un luogo insolito, per pochi amici, ma appassionati e curiosi, dove la musica è il cuore pulsante, gli Angel’s Wings Recording Studio di Pantianicco (Udine).

In un’ora e mezza Gabriele Medeot ha ripercorso il tempo, dagli anni ‘60 al nuovo millennio, usando le canzoni come filo conduttore, alcuni video originali, le copertine dei vinili come istantanee dei 30 anni che hanno rivoluzionato la musica, la cultura e la vita dei giovani di allora. Un incontro ricco di aneddoti, racconti, miti e leggende che intrecciano la musica Rock con la storia, anche con video realizzati appositamente per proiettare le storie e le evoluzioni musicali.

Fino ad oggi ha già condotto oltre 250 conferenze e coinvolto oltre 30.000 in Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Lombardia e Veneto. Una trasmissione in onda alla radio e decine di eventi live, Gabriele Medeot propone la nuova e avvincente versione pubblica di uno dei più celebri appuntamenti per gli appassionati di musica, cultura e storia. Il rock in tutte le sue facce. Evento aperti a tutti e rivolti a chi vuole scoprire segreti e avvenimenti legati alla musica rock e ai suoi protagonisti.

Uno studio di registrazione dell’Angel’s Wings di Pantianicco era come un salotto di casa, in cui un docente, competente e accattivante prende la parola e racconta storie vere. Affascinanti con i loro parallelismi e collegamenti tra lo sviluppo e l’evoluzione musicale e lo scorrere della storia, con i suoi avvenimenti cardine e gli sconvolgimenti che hanno segnato la fine dello scorso secolo e l’inizio di quello nuovo. Dai Beatles agli U2, dai Led Zeppelin ai Blondie, dai Doors al Live Aid contro la fame nel mondo.

Rock history condensa i cambiamenti della musica degli ultimi cinquant’anni e i mutamenti politici e sociali della nostra società. Vicende vissute per chi ha cinquanta e più anni, storia per i più giovani. Tanti ricordi copiati su cassetta (stereo 7 o 8), copertine consumate tra le mani di dischi rigati che saltavano, da pulire con il panno morbido per non sporcare la puntina e il Jukebox con 50 lire ti faceva ascoltare un 45 giri e con 100 lire tre canzoni (un caffè al bar costava circa 60 lire). Per i giovani diventano storia da raccontare, che avranno modo di vedere in qualche museo, nei film, nelle repliche di Happy Days o grazie alle lezioni / conferenze di Gabriele Medeot.

Marco Mascioli

Share Button

Comments are closed.