17/11/2018

Anche quest’anno, nella particolare occasione della 30esima edizione della 24×1 ora – 19° Memorial Paolo Quagliaro, il Polisportivo comunale di Fagagna ha richiamato podisti e amanti della corsa in genere che, durante il fine settimana hanno pacificamente invaso il campo sportivo collinare. Dalle 16 di sabato 13 alle 16 di domenica 14 giugno si sono succedute per 24 ore sulla nuova pista di atletica che circonda il campo le 27 squadre iscritte provenienti da tutta la regione per un totale di circa 650 atleti in pista.

Quest’anno la 24x1ora, che è organizzata dal Centro Sportivo-Culturale e Ricreativo Chei de Vile di Villalta e dal Gruppo Sportivo “Aquile Friulane” di Fagagna con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale e sotto l’egida del Centro Sportivo Italiano di Udine ha offerto uno spettacolo per così dire insolito rispetto agli ultimi anni. La pista del Polisportivo Comunale di Fagagna è apparsa un po’ meno popolata rispetto a come eravamo abituati a vedere nelle recenti edizioni.

La 30esima edizione è stata – per così dire – falcidiata dalla nuova normativa vigente in materia di tutela sanitaria in ambito sportivo, che ha reso inevitabili alcune modifiche al regolamento della corsa. La legge, approvata nell’agosto 2013 a seguito di alcuni tragici fatti di cronaca legata al mondo sportivo in generale, ma soprattutto all’ambito podistico, prevede infatti che chiunque intenda svolgere un’attività sportiva non competitiva ma comunque regolamentata debba sottoporsi obbligatoriamente ad una visita medica, differenziata per le singole discipline sportive.

Ciò ha inevitabilmente condizionato la partecipazione di numerosi corridori che, vivendo la corsa semplicemente come un momento di svago e divertimento e non essendo quindi in possesso dell’adeguata certificazione, hanno purtroppo dovuto rinunciare a parteciparvi.

La corsa, che quest’anno fra le 27 squadre partecipanti ha visto primeggiare la squadra “Gioielleria Silvano Osso – Gonars-Palme-Jalmic”, che ha macinato in totale ben 353.524 mt.; ciò nonostante si mantiene saldo il record storico della manifestazione che dal 2004 ancora in mano all’Atletica San Martino Coop Casarsa con 396.517 mt.

Le condizioni meteo quest’anno sono state piuttosto variabili: i corridori del sabato hanno trascorso una splendida giornata di sole con temperature abbastanza alte, per poi annuvolarsi in domenica mattina e terminare con vari scrosci durante tarda mattinata e pomeriggio. Tanto che quest’anno i tempi e i chilometraggi registrati a livello individuale ne sono stati seriamente influenzati.

La classifica individuale maschile ha incoronato Steve Bibalo della stessa “Gioielleria Silvano Osso – Gonars-Palme-Jalmic” con ben 18.020 mt percorsi , seguito da Gianni Bortolussi ; “Calda la mandorla Lestans”

Per quanto riguarda le quote rosa della manifestazione il primo premio della classifica individuale femminile è stato assegnato a Simona Rizzato della Libertas Ud. Maratonina Udinese che sancisce il primato con 14.575, seguita dalla collega Alionka Kornijenko con 14.434“Gioielleria Silvano Osso – Gonars-Palme-Jalmic”-

Il 19° trofeo Memorial Paolo Quagliaro, che va alla prima squadra classificata formata interamente da atleti tesserati per la stessa società, è stato aggiudicato anche quest’anno dall’Atletica San Martino Coop. Casarsa, che ha riconfermato il suo alto valore agonistico, percorrendo in totale 352.764 mt.

Ricordiamo inoltre la partecipazione della ex-maratoneta Silvia Furlani che da tre decenni porta avanti la sua battaglia. infatti a soli 26 anni le venne diagnosticata la sclerosi multipla, ma non si è mai arresa alla malattia e da tre decenni continua a combattere per la sua vita e la sua dignità. Partecipa a maratone e porta avanti il messaggio che la vita va vissuta sempre e comunque fino in fondo, con forza, coraggio ed ironia. Silvia ha partecipato alla 24 x 1 ora percorrendo un totale di oltre 12 km durante le ultime tre ore nonostante le pessime condizioni atmosferiche.

L’associazione Chei de Vile, presideduta da Fiamma Tiss, si è resa capace ancora una volta di organizzare al meglio l’intera manifestazione, con la preziosa collaborazione delle Aquile Friulane, capitanate da Leandro Bertuzzi. A dare lustro alla cerimonia di premiazione anche la presenza di Valerio Gaiotto, organizzatore di Telethon, la celeberrima associazione benefica, che ha dato il suo appoggio alla manifestazione. Perché da sempre nella filosofia della 24 x 1 ora c’è la solidarietà e la sensibilità nei confronti di tutti, anche di chi è diversamente abile o meno fortunato.

Da qualche anno a questa parte la 24 x 1 ora si dimostra particolarmente attenta alla salvaguardia dell’ambiente e si prodiga per la tutela ecologica dello spazio su cui si svolge la manifestazione. In quest’ultima edizione, grazie anche al prezioso impegno e rispetto delle regole di convivenza civile dimostrato da atleti, squadre e pubblico, l’organizzazione si è dimostrata in grado di attuare un sistema collaudato e molto efficiente di raccolta differenziata dei rifiuti.

Share Button

Comments are closed.