20/05/2019

Un fine settimana in kimono al Palabellaitalia di Lignano Sabbiadoro con circa duemila atleti che si sono confrontati nella spettacolare manifestazione europea organizzata da CSEN (centro sportivo educativo nazionale) del Friuli Venezia Giulia. Nel palazzetto dello Sport all’interno del Bella Italia & Efa Village ci sono state due gare internazionali e altrettante nazionali, oltre alle regionali. Praticamente tutte le principali arti marziali, sui nuovi tatami. Circa 80 arbitri hanno gestito gli incontri degli atleti provenienti dall’Italia e dall’estero (Ungheria, Austria, Croazia, Slovenia e Bulgaria).

Giuliano Clinori, il vicepresidente del Centro Sportivo Educativo Nazionale e presidente del CSEN del Friuli Venezia Giulia era oltremodo soddisfatto dell’evento che considera un successo enorme per la partecipazione che, anche grazie a due splendide giornate di sole a Lignano Sabbiadoro, hanno regalato un’opportunità agli ospiti e una visibilità alla regione, presentando la località balneare che vanta un villaggio turistico / sportivo di prim’ordine come il Bella Italia & Efa Village.

Una grandissima partecipazione alla maratona di arti marziali, che ormai è considerata un evento consolidato, essendo alla decima edizione, nonché una delle poche manifestazioni ad alto livello in Italia, nel panorama delle discipline marziali. La scelta di Lignano Sabbiadoro, causata inizialmente dalla mancanza quest’anno di FSB show (Fitness, Sport e Benessere), evento che si teneva in Fiera a Udine, si è rivelata la scelta migliore, regalando un’esperienza eccezionale a tutti i partecipanti all’interno del villaggio Bella Italia. In realtà si tratta dell’unica struttura che può ospitare un così alto numero di atleti, con ospitalità alberghiera, di ristorazione e strutture che proprio nel caso del Palabellaitalia ha consentito di svolgere diversi incontri contemporaneamente. 

Le discipline che hanno trovato spazio in quest’occasione erano il Grappling, Wu shu, Judo, Ju jitsu, Karate, Kyusho, Kick Boxing light, Sanda, Tui Shou, Hashita, Aikido e Thai chi. Occasione anche per la formazione con gli aggiornamenti rivolti ai tecnici di Grappling; Tai Ch; Ju jitsu; Judo; Hashita; Close combat. Le discipline marziali orientali sono sempre più praticate in Italia e sono definite “Arti” proprio perché il comportamento sul tatami, prima, durante e al termine degli incontri è dettato da regole ferree basate sull’etica e il rispetto reciproco. Era stupendo vedere gli atleti abbracciarsi dopo il saluto, quando avevano appena terminato di “darsele di santa ragione”. Domenica nel tardo pomeriggio le premiazioni hanno visto consegnare i giusti riconoscimenti agli atleti migliori, in base alle graduatorie che saranno pubblicate nel sito ufficiale www.csenfriuli.it. 

CSEN si occupa anche di atleti con disabilità, sia nelle attività integrate, sia per le competizioni a tutti i livelli. Proprio in questi giorni stanno definendo l’organizzazione degli italiani di Special Olympics, sfruttando la struttura di Bella Italia Dolomiti a Piani di Luzza (UD) durante il mese di febbraio 2020, mentre non ci sono dubbi per la prossima edizione della maratona di arti marziali, si terrà di nuovo a Lignano. 

Marco Mascioli 

Share Button

Comments are closed.